Date   

Re: focus 40 blu

Rino Chinese
 

Ciao Andrea, sto scrivendo con la focus.

Con jaws la barra funziona, naturalmente con i vecchi sistemi operativi di windos, visto che con win10 ho nvda.

ciao e grazie

rino

Il 24/01/2019 13:42, Andrea Lamacchia ha scritto:
Ciao Rino,
Questo ti succede solo con NVDA o anche con JAWS? Scusate per la
domanda un po' fuori tema ma è semplicemente per capire se il problema
si trova nel Firmware della barra (se ne ha uno) o nello screen
reader.
Grazie
Andrea

Il 24/01/19, Rino Chinese<rino.chinese@gmail.com> ha scritto:
Buongiorno, possiedo una focus 40 blu, Ho provato ad adoperarla con
nvda. C'è un errore nel set di caratteri braille. Infatti quando digito
la ù con la Focus non viene rilevata. Se invece la digito con la
tastiera del computer la barra la fa vedere normalmente. é possibile
andare a correggere il set di caratteri?

Saluti

Rino.





Re: focus 40 blu

Massimo Cervelli
 

Ciao,
prova ad impostare nella configurazione di NVDA la tabella in scrittura su tedesco.

Il 24/01/2019 13:42, Andrea Lamacchia ha scritto:
Ciao Rino,
Questo ti succede solo con NVDA o anche con JAWS? Scusate per la
domanda un po' fuori tema ma è semplicemente per capire se il problema
si trova nel Firmware della barra (se ne ha uno) o nello screen
reader.
Grazie
Andrea

Il 24/01/19, Rino Chinese<rino.chinese@gmail.com> ha scritto:
Buongiorno, possiedo una focus 40 blu, Ho provato ad adoperarla con
nvda. C'è un errore nel set di caratteri braille. Infatti quando digito
la ù con la Focus non viene rilevata. Se invece la digito con la
tastiera del computer la barra la fa vedere normalmente. é possibile
andare a correggere il set di caratteri?

Saluti

Rino.





Re: focus 40 blu

Simone Dal Maso
 

Rino prova a fare una cosa.
Attiva l'aiuto tastiera di NVDA, lo si fa premendo il tasto NVDA e il
tasto uno della tastiera estesa.
Poi fai la combinazione di tasti sulla focus per fare la u.
Cosa ti dice NVDA?

Il 24/01/19, Andrea Lamacchia<lamacchia87@gmail.com> ha scritto:
Ciao Rino,
Questo ti succede solo con NVDA o anche con JAWS? Scusate per la
domanda un po' fuori tema ma è semplicemente per capire se il problema
si trova nel Firmware della barra (se ne ha uno) o nello screen
reader.
Grazie
Andrea

Il 24/01/19, Rino Chinese<rino.chinese@gmail.com> ha scritto:
Buongiorno, possiedo una focus 40 blu, Ho provato ad adoperarla con
nvda. C'è un errore nel set di caratteri braille. Infatti quando digito
la ù con la Focus non viene rilevata. Se invece la digito con la
tastiera del computer la barra la fa vedere normalmente. é possibile
andare a correggere il set di caratteri?

Saluti

Rino.






--
Simone Dal Maso
www.nvapple.it
www.nvda.it


Re: focus 40 blu

Andrea Lamacchia
 

Ciao Rino,
Questo ti succede solo con NVDA o anche con JAWS? Scusate per la
domanda un po' fuori tema ma è semplicemente per capire se il problema
si trova nel Firmware della barra (se ne ha uno) o nello screen
reader.
Grazie
Andrea

Il 24/01/19, Rino Chinese<rino.chinese@gmail.com> ha scritto:
Buongiorno, possiedo una focus 40 blu, Ho provato ad adoperarla con
nvda. C'è un errore nel set di caratteri braille. Infatti quando digito
la ù con la Focus non viene rilevata. Se invece la digito con la
tastiera del computer la barra la fa vedere normalmente. é possibile
andare a correggere il set di caratteri?

Saluti

Rino.





focus 40 blu

Rino Chinese
 

Buongiorno, possiedo una focus 40 blu, Ho provato ad adoperarla con nvda. C'è un errore nel set di caratteri braille. Infatti quando digito la ù con la Focus non viene rilevata. Se invece la digito con la tastiera del computer la barra la fa vedere normalmente. é possibile andare a correggere il set di caratteri?

Saluti

Rino.


Re: O.T.: lettore per audible

Andrea Roveretto
 

Ciao Alberto

Sicuramente il tuo 5g sarebbe andato bene, quello che usavo fino ad oggi era un 3g.

Siccome sono un lettore avido mi sono fatto prendere la mano e ho ordinato subito qualche cosa d'altro da amazon

     Grazie pero' per l'offerta che era interessante,forse qualcun altro in lista potrebbe essere interessato!

Andrea

Il 23/01/2019 11:55, Alberto Buffolino ha scritto:
cheneso, il 22/01/2019 21.07, ha scritto:
Potrei prendere un nuovo ipod, ma parliamo di una spesa intorno ai 280 euro che tutto sommato per quello che mi serve forse e' eccessiva
Alberto:
Ciao Andrea,
se vuoi, io ho un ipod touch quinta generazione da 32GB, praticamente mai usato e perciò tenuto benissimo... non so però se sia funzionale per quel che chiedi con Audible.
Alberto


Re: O.T.: lettore per audible

Alberto Buffolino
 

Alberto Buffolino via Groups.Io, il 23/01/2019 11.55, ha scritto:
se vuoi, io ho un ipod touch quinta generazione da 32GB, praticamente mai usato e perciò tenuto benissimo... non so però se sia funzionale per quel che chiedi con Audible.
Alberto:
aggiungo: se interessati (non solo Andrea!) contattatemi pure in privato :)
Alberto


Re: O.T.: lettore per audible

Alberto Buffolino
 

cheneso, il 22/01/2019 21.07, ha scritto:
Potrei prendere un nuovo ipod, ma parliamo di una spesa intorno ai 280 euro che tutto sommato per quello che mi serve forse e' eccessiva
Alberto:
Ciao Andrea,
se vuoi, io ho un ipod touch quinta generazione da 32GB, praticamente mai usato e perciò tenuto benissimo... non so però se sia funzionale per quel che chiedi con Audible.
Alberto


Re: O.T.: lettore per audible

Andrea Roveretto
 

Grazie Sergio, in effetti non ci avevo pensato!

Andrea

Il 23/01/2019 07:55, sergio brunetti ha scritto:
Potresti prendere un telefono android da un centinaio di euri e installarlo lì. Non so se ci siano dispositivi che supportano audible che costino poco. Scrivendo mi viene in mente anche la soluzione tablet amazon di quelli economici. Non il fire hd 8 di settima generazione. Forse quelli di ottava generazione lo supportano, ma non ho informazioni in merito. Conterei anche io di prendere un tablet del genere prima o poi.


In data 22 Gennaio 2019 21:07:55 "cheneso" <andrea@andrearoveretto.it> ha scritto:

Mi scuso per l'o.t., ma ultimamente sono iscritto solo a questa lista e
non ho voglia di iscrivermi ad altre solo per una domanda...

Il mio ipod sta morendo, vorrei prendere qualche cosa di sostitutivo con
la funzione primaria di leggere audiolibri audible.

Potrei prendere un nuovo ipod, ma parliamo di una spesa intorno ai 280
euro che tutto sommato per quello che mi serve forse e' eccessiva

Qualche altra soluzione ben fatta che mi potreste consigliare?


grazie

Andrea







Re: O.T.: lettore per audible

sergio brunetti
 

Potresti prendere un telefono android da un centinaio di euri e installarlo lì. Non so se ci siano dispositivi che supportano audible che costino poco. Scrivendo mi viene in mente anche la soluzione tablet amazon di quelli economici. Non il fire hd 8 di settima generazione. Forse quelli di ottava generazione lo supportano, ma non ho informazioni in merito. Conterei anche io di prendere un tablet del genere prima o poi.


In data 22 Gennaio 2019 21:07:55 "cheneso" <andrea@andrearoveretto.it> ha scritto:

Mi scuso per l'o.t., ma ultimamente sono iscritto solo a questa lista e
non ho voglia di iscrivermi ad altre solo per una domanda...

Il mio ipod sta morendo, vorrei prendere qualche cosa di sostitutivo con
la funzione primaria di leggere audiolibri audible.

Potrei prendere un nuovo ipod, ma parliamo di una spesa intorno ai 280
euro che tutto sommato per quello che mi serve forse e' eccessiva

Qualche altra soluzione ben fatta che mi potreste consigliare?


grazie

Andrea




O.T.: lettore per audible

Andrea Roveretto
 

Mi scuso per l'o.t., ma ultimamente sono iscritto solo a questa lista e non ho voglia di iscrivermi ad altre solo per una domanda...

Il mio ipod sta morendo, vorrei prendere qualche cosa di sostitutivo con la funzione primaria di leggere audiolibri audible.

Potrei prendere un nuovo ipod, ma parliamo di una spesa intorno ai 280 euro che tutto sommato per quello che mi serve forse e' eccessiva

Qualche altra soluzione ben fatta che mi potreste consigliare?


grazie

Andrea


Sicurezza: Oltre 6 miliardi di dispositivi WiFi in pericolo per via di un bug

Carlo Sist
 


Off topic! Slash Radio Web: palinsesto della settimana dal 21 al 25 Gennaio 2019.

Nunziante Esposito
 

Saluti a tutti.

 

::

 

Care amiche e cari amici, di seguito la programmazione di Slash Radio Web relativa alla settimana 21-25  gennaio 2019.

Vi ricordiamo la rubrica “Un libro al giorno”, prodotta e curata dal Centro Nazionale del Libro Parlato “Francesco Fratta” (della durata di cinque minuti), in onda dal lunedì al venerdì nei seguenti orari: 8.55, 14.50, 18.50 e al termine della programmazione serale.

Dopo “Un libro al giorno”, di mattina, potrete ascoltare a partire dalle ore 9.00 Almanaccando, la rubrica sui fatti del giorno a ritroso nel tempo e a seguire il Meteo. Alle 9.30 l’appuntamento è con Spotlight: notizie di attualità, politica, cultura e sport e approfondimenti a cura di ospiti del mondo del giornalismo.

In particolare lunedì 21 gennaio interverrà il radiocronista Massimo Barchiesi, voce di “Tutto il calcio minuto per minuto” e del basket su Radio Rai, mentre martedì 22 sarà con noi Valentina Berengo del sito lepersonalbookshopper.it.

 

Segnaliamo come ogni settimana il doppio appuntamento con UiciCom, nei giorni di mercoledì 23, con inizio alle 10.30, per ciò che concerne le notizie, le attività e gli eventi del territorio e della Presidenza Nazionale, e di Venerdì 25, sempre alle 10.30, per il tour di presentazione di tutte le sezioni Provinciali, Intercomunali e dei Consigli Regionali dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS.

 

Slashbox vi terrà compagnia nei giorni di martedì 22, mercoledì 23 e giovedì 24 Gennaio dalle 15.00 alle 17.30.

 

Martedì 22 gennaio:

Apriremo la puntata con la mostra "Ottocento. L'arte dell'Italia tra Hayez e Segantini", che sarà ospitata dal Museo San Domenico di Forlì dal 9 febbraio al 16 giugno 2019: ne parleremo con il dottor Gianfranco Brunelli, curatore delle grandi mostre per la Fondazione Cassa dei Risparmi, con il direttore del Centro Diego Fabbri di Forlì Paolo De Lorenzi e con Giorgia Vaienti, responsabile dell’ audiodescrizione.

 

Alle 16.00 daremo spazio alla musica con la presenza nei nostri studi dell’autore, polistrumentista e produttore

Massimo Giangrande insieme al quale ascolteremo i brani del suo terzo album in studio, “Beauty at closing time”, in cui il compositore ha dato sfogo a un originale mix di linguaggi musicali che spaziano dall’elettronica al songwriting passando per la composizione di colonne sonore.

 

 A seguire ci occuperemo di un progetto di sport e integrazione davvero singolare: "I to Eye": un viaggio in tandem lungo otto mesi, da Roma a Pechino, pedalando attraverso 13 Paesi e due continenti, per “portare un messaggio di integrazione e raccontare la cecità in diverse parti del mondo” come nelle intenzioni dell’ideatore Davide Valacchi, che sarà nostro ospite insieme ai suoi compagni d’avventura Michele Giuliano e Samuele Spriano.

 

Mercoledì 23 gennaio:

Torneremo a celebrare il ventennale della scomparsa di De André dedicando gran parte della puntata alla vita e all’opera di Faber. Inizialmente presenteremo insieme a Elena Valdini  della Fondazione Fabrizio De André Onlus il libro “Anche le parole sono nomadi” (Chiarelettere).

Sinossi:  Fabrizio De André si è espresso artisticamente attraverso i brani che ha inciso nei suoi album e cantato durante i suoi concerti. Questo libro nasce dal desiderio di leggere, insieme e di nuovo, quei testi, scritti da Fabrizio De André o insieme ai suoi preziosi collaboratori, per riflettere sui contenuti che ha posto alla sua e nostra attenzione: gli ultimi, gli emarginati, il potere, la libertà, l’anarchia, la guerra, solo per citarne alcuni. In queste pagine sono raccolti più di quaranta brani che si sviluppano seguendo un nuovo percorso, curato dalla Fondazione Fabrizio De André Onlus, in cui le storie, i volti e i sentimenti cantati da Fabrizio De André non ci parlano solo di vite negate e di vite subite, ma anche di riscatto. Ad accompagnare i testi delle canzoni, le introduzioni e le riflessioni con cui De André presentava i brani in scaletta durante i concerti, alcune delle quali inedite o mai proposte in volume.

Elena Valdini: giornalista pubblicista, laureata in storia contemporanea con una tesi sul rapporto tra intellettuali e terrorismo negli anni Settanta. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche, soprattutto «Il Giorno», occupandosi spesso di cronaca nera, quindi di scontri stradali. Dal 2004 segue i progetti editoriali della Fondazione Fabrizio De Andrè Onlus per conto della quale ha curato il volume Volammo davvero. Un dialogo ininterrotto (Rizzoli/Bur, 2007). Per Chiarelettere ha pubblicato nel 2008 "Strage continua"; E' stata curatrice del volume "Tourbook" (Chiarelettere 2009) e "Ai bordi dell'infinito"(Chiarelettere 2012).

 

Subito dopo avremo ai nostri microfoni Ernesto Assante, uno dei più noti critici musicali italiani. In attività dal 1977, comincia a scrivere per La Repubblica, dove è stato critico musicale e caporedattore, nel 1979. Attualmente lavora come inviato. È stato collaboratore di numerosi settimanali e mensili italiani e stranieri, tra i quali Epoca, L'Espresso, Rolling Stone. Ha ideato ed è stato responsabile dei supplementi Musica, Computer Valley e Computer, Internet e Altro di Repubblica. Ha scritto libri di critica musicale, alcuni dei quali insieme con il collega Gino Castaldo, con il quale dal 2005 tiene delle "Lezioni di rock. Viaggio al centro della musica" con lo scopo di approfondire, grazie anche a un ascolto guidato e ai video mostrati, la storia di coloro che sono entrati nella leggenda del rock. Dal 2003 al 2009 ha insegnato "Teoria e tecnica dei nuovi media" e in seguito "Analisi dei linguaggi musicali", alla facoltà di Scienze della comunicazione dell'università la Sapienza a Roma.

 

Giovedì 24 gennaio:

 

La nostra prima, gradita ospite ci è stata segnalata dai nostri ascoltatori: la professoressa e scrittrice Roberta Melli, autrice del libro “In vetta al mondo” (Leone Editore).

Trama: Teo Alberti, ispettore di polizia della sezione omicidi del distretto di Torino, deve tornare al paese natio poiché la madre è in fin di vita. Lì conosce una ragazza mulatta che vive in Svizzera: tra i due nascerà una intensa relazione, ma un brutale omicidio cambierà ogni cosa. Teo si troverà alle prese con un'indagine complessa e con una vittima dal passato oscuro, collegata ai cartelli della droga del Sudamerica. La presenza quasi eterea di un lupo albino, che sembra seguire proprio il protagonista, si rivelerà anch'essa un'importante traccia che aiuterà la conclusione dell'indagine.

Roberta Melli è nata a Vicenza, dove vive e lavora. Insegna Chimica e Scienze al liceo scientifico, ma nel tempo libero pratica free climbing, alleva insetti e si dedica alla sua vera passione, la maratona, protagonista anche di Senza tregua. Con questo romanzo ha vinto il Premio Letterario del Leone VII edizione.

Alle 15:40 tornerà a trovarci la cantautrice Morhena con il suo nuovo EP “Nina ed altre storie” da cui è tratto il singolo “Solo un po’ di rabbia”. Dopo l’album “Il Pipistrello” e due singoli, nonché due EP (tra cui quello di grande successo contenente il brano dedicato a Papa Francesco “Un uomo venuto da lontano”), Morhena, nuovo nome d’arte di Morena Burattini, regala ai suoi fan e al pubblico un’altra perla musicale della sua voce graffiante e allo stesso tempo delicata.

Dedicheremo infine l’ultima ora di trasmissione alla relazione sulla Direzione Nazionale, che si terrà in mattinata, a cura del Terzo Componente dell’Ufficio di Presidenza dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus Aps Eugenio Saltarel

 

Le trasmissioni saranno condotte da Luisa Bartolucci, Chiara Maria Gargioli e Renzo Giannantonio.

 

Gli ascoltatori, che invitiamo a partecipare con quesiti e contributi, potranno, come di consueto, scegliere diverse modalità di intervento:

 

- Tramite telefono contattando durante la diretta il numero: 06 92 09 25 66.

- Inviando e-mail, anche nei giorni precedenti le trasmissioni, all'indirizzo: diretta@...

- Compilando l'apposito form di Slash Radio Web , o scrivendo sulla nostra pagina facebook Slash Radio Web.

 

Per ascoltare Slashradio sarà sufficiente digitare la seguente stringa: http://sr2.inmystream.info:2199/tunein/slashradio.asx

E per Mac: http://sr2.inmystream.info:2199/tunein/slashradio.pls

Oppure accendere la nostra app Slash Radio Web di Erasmo di Donato, che vi invitiamo a scaricare, onde averci sempre con voi!

 

Il contenuto delle trasmissioni verrà pubblicato:

Sul sito dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS all'indirizzo http://www.uiciechi.it/ArchivioMultimediale

Sulla pagina Facebook Slash Radio Web sulla quale andremo anche in diretta, in radiovisione ed alla quale vi invitiamo a mettere il vostro like onde divenire nostri followers, grazie.

 

Si pregano le nostre strutture provinciali di dare la massima diffusione al presente comunicato.

 

::

 

Ndr: è possibile chiedere su cd-rom la registrazione della trasmissione scrivendo a ustampa@... oppure telefonando al numero 06 699 881, scegliendo operatore e chiedendo dell'ufficio stampa,

sig.ra Rita Zauri.

Allo stesso indirizzo si può chiedere anche di avere la registrazione per tutte le trasmissioni senza doverle chiedere ogni volta.

Per chi le volesse scaricare in podcast, può portarsi al sito dell'Unione e precisamente alla pagina: http://www.uiciechi.it/ArchivioMultimediale/

 

Grazie per l'attenzione.

 

Cordiali saluti.

 

Nunziante Esposito

Per la redazione del Comitato Stampa

dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti

http://www.uiciechi.it/osi/index.html

Skype: nunziante

gsm: 349 67 23 351

tel: 06 699 881

Seguimi su Twitter: @NunzianteE


Mail priva di virus. www.avast.com



----
ZE-Light e ZE-Pro: servizi zimbra per caselle con dominio email.it, per tutti i dettagli clicca qui

Sponsor:
Soluzioni di email hosting per tutte le esigenze: dalle caselle gratuite a quelle professionali su piattaforma Zimbra, da quelle su proprio dominio a quelle certificate PEC. Confronta le soluzioni
Clicca qui


Re: O.T. Roland, il produttore di strumenti musicali includerà Alexa nella sua ultima tastiera

Andrea Lamacchia
 

Ciao,
super questa novità! Anch'io mi auguro che la Yamaha realizzi uno
screen reader, piuttosto che dei file Wave, che ci permetta appunto di
navigare i vari menu, un po' come com facciamo con VoiceOver o
TalkBack. Ah, e naturalmente facilmente attivabile, oltre che con
Alexa, anche manualmente... potrei immaginare un'attivazione del tipo
tenere premuto una delle note (ad esempio il la iniziale della
tastiera ad 88 tasti mentre premiamo il tasto di accensione).
Andrea

Il 20/01/19, Mario Loreti<mario.loreti@gmail.com> ha scritto:
Ah ok, credevo anch'io fosse una sintesi.

Grazie per il chiarimento.

Il 19/01/2019 21:29, Rino Chinese ha scritto:
ciao Mario:

Genos è l'evoluzione del tyros5, ma mentre nel tyros hai dei pulsanti
associati ai menu che appaiono sul display, e quindi con attenzione è
possibile gestirli, il genos ha un touch screen, quasi totalmente
inaccessibile per noi. Allora la Yamaha ha rilasciato un'applicazione
da caricare con chiavetta usb, con delle wawes le quali vocalizzano
tutti i menu della macchina.. Ovviamente quando andrai a scorrere con
il dito sul display sentirai una voce che in inglese ti dirà il menu
che stai toccando. Però non riesce ad informarti di come modifichi i
parametri (almeno da quello che ho potuto sapere io, visto che non
possiedo la Genos). Mi sembra un modo primitivo per poter gestire una
macchina di quella complessità.  Altra cosa è una sintesi che può
leggere qualsiasi cosa appare sul display.

Però la yamaha ci ha pensato, e questo è già qualcosa.

saluti

  Rino

2019 15:58, Mario Loreti ha scritto:
Ciao, cosa fa per ora la Genos?

Il 19/01/2019 01:47, Rino Chinese ha scritto:
ciao Pieranna:

é sicuramente un articolo interessante. Perchè se ci si mette la
Roland che è una delle maggiori case produttrici di strumenti
musicali qualche speranza si apre anche per noi. Magari poi a ruota
ci si mette anche yamaha, che già ha provato a installare una
sintesi vocale sulla sua nuova tastiera Genos, ma con risultati
parziali. Potrebbe davvero essere un primo inizio per le persone con
difficoltà di vista, sperando che prima o poi le case produttrici di
strumenti musicali trovino un sistema operativo comune
vocalizzabile, come ad esempio Android o Windows, per poter gestire
i numerosi menu e le centinaia di parametri delle tastiere, che
sarebbero difficili da gestire solo con un assistente vocale.

Comunque questo è un inizio, e se non si inizia mai si comincia.

Saluti

   Rino



Il 17/01/2019 11:19, Pieranna Biscaro via Groups.Io ha scritto:

Ciao, spero possa interessare

da:
https://www.tecnoandroid.it/2019/01/08/roland-il-produttore-di-strumenti-musicali-includera-alexa-nella-sua-ultima-tastiera-45796

Alexa è utile in molte attività e viene integrata sempre di più in
nuovi ambiti. Prossimamente, l’assistente virtuale aiuterà a
controllare le impostazioni della tastiera con la semplice voce.
L’ultima tastiera Roland, una nuova versione del suo GO: PIANO,
include Alexa e la compagnia dice che questa funzione offre un
controllo a mani libere mentre si utilizza lo strumento.

Semplicemente, l’utente non avrà bisogno di togliere togliere le
mani dai tasti per modificare il suono o accedere a impostazioni
specifiche. Questo grazie alla combinazione del GO: PIANO e di una
nuova Roland Alexa Skill.

Roland non ha specificato quando uscirà la sua tastiera con Alexa

La società conferma l’obiettivo di abilitare il controllo vocale
per i musicisti di qualsiasi livello. Oltre alla funzione vivavoce,
Alexa Skill fornirà anche l’accesso alle librerie di suono e
permetterà all’utente di scorrere lungo i brani. Inoltre consentirà
la condivisione di clip audio registrate con amici e familiari.
Roland promette di aggiungere nuovi strumenti prossimamente,
inclusa la compatibilità di questa skill con altri strumenti.

Oltre al GO: PIANO con Alexa incorporato, Roland ha anche rivelato
GO: PIANO 88. Come suggerisce il nome, questo modello di tastiera
portatile racchiude 88 tasti di dimensioni standard e il “suono
naturale” dei pianoforti digitali premium dell’azienda. Un’altra
interessante funzione del GO: PIANO 88 è il Bluetooth integrato,
connettività che consente di utilizzare il telefono come strumento
di apprendimento. Più specificamente, un telefono connesso può
essere utilizzato per lo streaming audio da lezioni di piano
online, karaoke e video tutorial.

Sfortunatamente, gli annunci di Roland non includevano alcun prezzo
fisso o dettagli sulla disponibilità. La società dice che il suo
obiettivo è di lasciare che i pianisti si concentrino sul fatto di
tenere le dita in movimento, piuttosto che doversi preoccupare
delle impostazioni mentre suonano.

Una delle caratteristiche della nuova skill di Alexa che sarà
integrata nella tastiera di Roland sarà quella di lasciare che
Alexa suono metà dei tasti. L’utente suonerà gli altri tasti e ciò
sarà utile per imparare nuove canzoni. Inoltre, Alexa registrerà i
progressi.

--
Cordiali saluti
Pieranna Biscaro

I am a mole and I live in a hole






Re: O.T. Roland, il produttore di strumenti musicali includerà Alexa nella sua ultima tastiera

Mario Loreti
 

Ah ok, credevo anch'io fosse una sintesi.

Grazie per il chiarimento.

Il 19/01/2019 21:29, Rino Chinese ha scritto:
ciao Mario:

Genos è l'evoluzione del tyros5, ma mentre nel tyros hai dei pulsanti associati ai menu che appaiono sul display, e quindi con attenzione è possibile gestirli, il genos ha un touch screen, quasi totalmente inaccessibile per noi. Allora la Yamaha ha rilasciato un'applicazione da caricare con chiavetta usb, con delle wawes le quali vocalizzano tutti i menu della macchina.. Ovviamente quando andrai a scorrere con il dito sul display sentirai una voce che in inglese ti dirà il menu che stai toccando. Però non riesce ad informarti di come modifichi i parametri (almeno da quello che ho potuto sapere io, visto che non possiedo la Genos). Mi sembra un modo primitivo per poter gestire una macchina di quella complessità.  Altra cosa è una sintesi che può leggere qualsiasi cosa appare sul display.

Però la yamaha ci ha pensato, e questo è già qualcosa.

saluti

  Rino

2019 15:58, Mario Loreti ha scritto:
Ciao, cosa fa per ora la Genos?

Il 19/01/2019 01:47, Rino Chinese ha scritto:
ciao Pieranna:

é sicuramente un articolo interessante. Perchè se ci si mette la Roland che è una delle maggiori case produttrici di strumenti musicali qualche speranza si apre anche per noi. Magari poi a ruota ci si mette anche yamaha, che già ha provato a installare una sintesi vocale sulla sua nuova tastiera Genos, ma con risultati parziali. Potrebbe davvero essere un primo inizio per le persone con difficoltà di vista, sperando che prima o poi le case produttrici di strumenti musicali trovino un sistema operativo comune vocalizzabile, come ad esempio Android o Windows, per poter gestire i numerosi menu e le centinaia di parametri delle tastiere, che sarebbero difficili da gestire solo con un assistente vocale.

Comunque questo è un inizio, e se non si inizia mai si comincia.

Saluti

   Rino



Il 17/01/2019 11:19, Pieranna Biscaro via Groups.Io ha scritto:

Ciao, spero possa interessare

da: https://www.tecnoandroid.it/2019/01/08/roland-il-produttore-di-strumenti-musicali-includera-alexa-nella-sua-ultima-tastiera-45796

Alexa è utile in molte attività e viene integrata sempre di più in nuovi ambiti. Prossimamente, l’assistente virtuale aiuterà a controllare le impostazioni della tastiera con la semplice voce. L’ultima tastiera Roland, una nuova versione del suo GO: PIANO, include Alexa e la compagnia dice che questa funzione offre un controllo a mani libere mentre si utilizza lo strumento.

Semplicemente, l’utente non avrà bisogno di togliere togliere le mani dai tasti per modificare il suono o accedere a impostazioni specifiche. Questo grazie alla combinazione del GO: PIANO e di una nuova Roland Alexa Skill.

Roland non ha specificato quando uscirà la sua tastiera con Alexa

La società conferma l’obiettivo di abilitare il controllo vocale per i musicisti di qualsiasi livello. Oltre alla funzione vivavoce, Alexa Skill fornirà anche l’accesso alle librerie di suono e permetterà all’utente di scorrere lungo i brani. Inoltre consentirà la condivisione di clip audio registrate con amici e familiari. Roland promette di aggiungere nuovi strumenti prossimamente, inclusa la compatibilità di questa skill con altri strumenti.

Oltre al GO: PIANO con Alexa incorporato, Roland ha anche rivelato GO: PIANO 88. Come suggerisce il nome, questo modello di tastiera portatile racchiude 88 tasti di dimensioni standard e il “suono naturale” dei pianoforti digitali premium dell’azienda. Un’altra interessante funzione del GO: PIANO 88 è il Bluetooth integrato, connettività che consente di utilizzare il telefono come strumento di apprendimento. Più specificamente, un telefono connesso può essere utilizzato per lo streaming audio da lezioni di piano online, karaoke e video tutorial.

Sfortunatamente, gli annunci di Roland non includevano alcun prezzo fisso o dettagli sulla disponibilità. La società dice che il suo obiettivo è di lasciare che i pianisti si concentrino sul fatto di tenere le dita in movimento, piuttosto che doversi preoccupare delle impostazioni mentre suonano.

Una delle caratteristiche della nuova skill di Alexa che sarà integrata nella tastiera di Roland sarà quella di lasciare che Alexa suono metà dei tasti. L’utente suonerà gli altri tasti e ciò sarà utile per imparare nuove canzoni. Inoltre, Alexa registrerà i progressi.

--
Cordiali saluti
Pieranna Biscaro

I am a mole and I live in a hole



Re: NVDA e windows server

Mario Loreti
 

Se usi NVDARemote del servizio audio te ne freghi, tanto l'output del tts passa comunque.

Il 19/01/2019 18:56, the blind cracker ha scritto:

Un consiglio personale: non passare a Win Server. Paghi di più e hai un sistema meno sicuro e più lento.

Il 19.01.2019 18:47, the blind cracker via Groups.Io ha scritto:

Funziona perfettamente, soltanto che su alcune versioni di windows server il servizio Audio è disabilitato di default, e va quindi avviato altrimenti nun senti na mazza.

Il 19.01.2019 18:05, LEONARDO M ha scritto:
Ciao a tutti.
Qualcuno ha mai provato NVDA con windows server? Ho un account Aruba Cloud, al momento ho scelto server linux ma mi incuriosisce anche windows, soprattutto perché conosco già il sistema operativo, il come si gestisce e tutto, cosa che non posso assolutamente dire di linux.
Il saggio coltiva mac, tanto windows si pianta da solo.
Saluti, Leonardo M.
Vuoi scrivermi? Concesso, clicca qui!


Re: NVDA e windows server

Mario Loreti
 

Come ti dicevo su Facebook si gestisce con la combinazione Desktop Remoto e NVDARemote.

Il 19/01/2019 18:05, LEONARDO M ha scritto:

Ciao a tutti.
Qualcuno ha mai provato NVDA con windows server? Ho un account Aruba Cloud, al momento ho scelto server linux ma mi incuriosisce anche windows, soprattutto perché conosco già il sistema operativo, il come si gestisce e tutto, cosa che non posso assolutamente dire di linux.
Il saggio coltiva mac, tanto windows si pianta da solo.
Saluti, Leonardo M.
Vuoi scrivermi? Concesso, clicca qui!


Re: O.T. Roland, il produttore di strumenti musicali includerà Alexa nella sua ultima tastiera

Rino Chinese
 

ciao Mario:

Genos è l'evoluzione del tyros5, ma mentre nel tyros hai dei pulsanti associati ai menu che appaiono sul display, e quindi con attenzione è possibile gestirli, il genos ha un touch screen, quasi totalmente inaccessibile per noi. Allora la Yamaha ha rilasciato un'applicazione da caricare con chiavetta usb, con delle wawes le quali vocalizzano tutti i menu della macchina.. Ovviamente quando andrai a scorrere con il dito sul display sentirai una voce che in inglese ti dirà il menu che stai toccando. Però non riesce ad informarti di come modifichi i parametri (almeno da quello che ho potuto sapere io, visto che non possiedo la Genos). Mi sembra un modo primitivo per poter gestire una macchina di quella complessità.  Altra cosa è una sintesi che può leggere qualsiasi cosa appare sul display.

Però la yamaha ci ha pensato, e questo è già qualcosa.

saluti

  Rino

2019 15:58, Mario Loreti ha scritto:

Ciao, cosa fa per ora la Genos?

Il 19/01/2019 01:47, Rino Chinese ha scritto:
ciao Pieranna:

é sicuramente un articolo interessante. Perchè se ci si mette la Roland che è una delle maggiori case produttrici di strumenti musicali qualche speranza si apre anche per noi. Magari poi a ruota ci si mette anche yamaha, che già ha provato a installare una sintesi vocale sulla sua nuova tastiera Genos, ma con risultati parziali. Potrebbe davvero essere un primo inizio per le persone con difficoltà di vista, sperando che prima o poi le case produttrici di strumenti musicali trovino un sistema operativo comune vocalizzabile, come ad esempio Android o Windows, per poter gestire i numerosi menu e le centinaia di parametri delle tastiere, che sarebbero difficili da gestire solo con un assistente vocale.

Comunque questo è un inizio, e se non si inizia mai si comincia.

Saluti

   Rino



Il 17/01/2019 11:19, Pieranna Biscaro via Groups.Io ha scritto:

Ciao, spero possa interessare

da: https://www.tecnoandroid.it/2019/01/08/roland-il-produttore-di-strumenti-musicali-includera-alexa-nella-sua-ultima-tastiera-45796

Alexa è utile in molte attività e viene integrata sempre di più in nuovi ambiti. Prossimamente, l’assistente virtuale aiuterà a controllare le impostazioni della tastiera con la semplice voce. L’ultima tastiera Roland, una nuova versione del suo GO: PIANO, include Alexa e la compagnia dice che questa funzione offre un controllo a mani libere mentre si utilizza lo strumento.

Semplicemente, l’utente non avrà bisogno di togliere togliere le mani dai tasti per modificare il suono o accedere a impostazioni specifiche. Questo grazie alla combinazione del GO: PIANO e di una nuova Roland Alexa Skill.

Roland non ha specificato quando uscirà la sua tastiera con Alexa

La società conferma l’obiettivo di abilitare il controllo vocale per i musicisti di qualsiasi livello. Oltre alla funzione vivavoce, Alexa Skill fornirà anche l’accesso alle librerie di suono e permetterà all’utente di scorrere lungo i brani. Inoltre consentirà la condivisione di clip audio registrate con amici e familiari. Roland promette di aggiungere nuovi strumenti prossimamente, inclusa la compatibilità di questa skill con altri strumenti.

Oltre al GO: PIANO con Alexa incorporato, Roland ha anche rivelato GO: PIANO 88. Come suggerisce il nome, questo modello di tastiera portatile racchiude 88 tasti di dimensioni standard e il “suono naturale” dei pianoforti digitali premium dell’azienda. Un’altra interessante funzione del GO: PIANO 88 è il Bluetooth integrato, connettività che consente di utilizzare il telefono come strumento di apprendimento. Più specificamente, un telefono connesso può essere utilizzato per lo streaming audio da lezioni di piano online, karaoke e video tutorial.

Sfortunatamente, gli annunci di Roland non includevano alcun prezzo fisso o dettagli sulla disponibilità. La società dice che il suo obiettivo è di lasciare che i pianisti si concentrino sul fatto di tenere le dita in movimento, piuttosto che doversi preoccupare delle impostazioni mentre suonano.

Una delle caratteristiche della nuova skill di Alexa che sarà integrata nella tastiera di Roland sarà quella di lasciare che Alexa suono metà dei tasti. L’utente suonerà gli altri tasti e ciò sarà utile per imparare nuove canzoni. Inoltre, Alexa registrerà i progressi.

--
Cordiali saluti
Pieranna Biscaro

I am a mole and I live in a hole


Re: NVDA e windows server

 

Assolutamente, mi ero espresso male.

Inviato da iPhone

Il giorno 19 gen 2019, alle ore 19:02, the blind cracker <theblindcracker8@...> ha scritto:

Ah e tra parentesi: non si tratta di un problema, bensì di una scelta (che senso avrebbe, in teoria, abilitare l'audio per esempio su di un server web o su di un Datacenter?)

Il 19.01.2019 19:01, the blind cracker via Groups.Io ha scritto:

Purtroppo non me lo ricordo più... so per certo che le enterprise e superiori ce l'hanno disabilitato, non ti so dire per quel che riguarda le standard e inferiori.


Il 19.01.2019 18:57, LEONARDO M ha scritto:
Grazie 1000, sai per caso una versione che non presenti questo problema? Posso disturbarti in privato, sono veramente alle basi e qui si rischia di andare OT.

Inviato da iPhone

Il giorno 19 gen 2019, alle ore 18:47, the blind cracker <theblindcracker8@...> ha scritto:

Funziona perfettamente, soltanto che su alcune versioni di windows server il servizio Audio è disabilitato di default, e va quindi avviato altrimenti nun senti na mazza.

Il 19.01.2019 18:05, LEONARDO M ha scritto:
Ciao a tutti.
Qualcuno ha mai provato NVDA con windows server? Ho un account Aruba Cloud, al momento ho scelto server linux ma mi incuriosisce anche windows, soprattutto perché conosco già il sistema operativo, il come si gestisce e tutto, cosa che non posso assolutamente dire di linux.
Il saggio coltiva mac, tanto windows si pianta da solo.
Saluti, Leonardo M.
Vuoi scrivermi? Concesso, clicca qui!


Re: NVDA e windows server

the blind cracker
 

Ah e tra parentesi: non si tratta di un problema, bensì di una scelta (che senso avrebbe, in teoria, abilitare l'audio per esempio su di un server web o su di un Datacenter?)

Il 19.01.2019 19:01, the blind cracker via Groups.Io ha scritto:

Purtroppo non me lo ricordo più... so per certo che le enterprise e superiori ce l'hanno disabilitato, non ti so dire per quel che riguarda le standard e inferiori.


Il 19.01.2019 18:57, LEONARDO M ha scritto:
Grazie 1000, sai per caso una versione che non presenti questo problema? Posso disturbarti in privato, sono veramente alle basi e qui si rischia di andare OT.

Inviato da iPhone

Il giorno 19 gen 2019, alle ore 18:47, the blind cracker <theblindcracker8@...> ha scritto:

Funziona perfettamente, soltanto che su alcune versioni di windows server il servizio Audio è disabilitato di default, e va quindi avviato altrimenti nun senti na mazza.

Il 19.01.2019 18:05, LEONARDO M ha scritto:
Ciao a tutti.
Qualcuno ha mai provato NVDA con windows server? Ho un account Aruba Cloud, al momento ho scelto server linux ma mi incuriosisce anche windows, soprattutto perché conosco già il sistema operativo, il come si gestisce e tutto, cosa che non posso assolutamente dire di linux.
Il saggio coltiva mac, tanto windows si pianta da solo.
Saluti, Leonardo M.
Vuoi scrivermi? Concesso, clicca qui!

8361 - 8380 of 10534